Da quello che si vedeva, questo enorme tempio era costruito con blocchi di più di cinque metri d’altezza e di cento tonnellate di peso che, come diceva la pagina ufficiale del Museo di Tiwanaku, erano stati trasportati da distanze di oltre trecento chilometri.
“Caspita! Come ci sono riusciti? Non conoscevano nemmeno la ruota!”

Ambientazione tratta da L’ORIGINE PERDUTA

(Matilde Asensi)

Se vuoi lasciare un tuo parere...